informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come acquistare sicurezza in se stessi: 10 consigli utili

Commenti disabilitati su Come acquistare sicurezza in se stessi: 10 consigli utili Studiare ad Aosta

Al giorno d’oggi è sempre più difficile capire come acquistare sicurezza in se stessi. I modelli di successo e di realizzazione che vengono proposti dai mezzi di comunicazione appaiono irraggiungibili. Ma soprattutto ci si chiede se siano reali? Cosa conta nella vita di un individuo? Fama, soldi, successo? Ti potrebbe stupire sapere che molto spesso anche chi ottiene questi traguardi ha gravi problemi di autostima e fiducia in se stesso. Perché la pressione dell’obiettivo raggiunto e le aspettative degli altri pesano sulla persona ma soprattutto perché la sicurezza in se stessi è una questione interiore. Scopriamo come entrare in contatto con questa risorsa.

Fiducia in se stessi: che cos’è?

come migliorare l'autostimaLa psicologia è una scienza che ci aiuta a comprendere i meccanismi della mente umana, le emozioni e le risposte alle sollecitazioni della vita quotidiana. Il nostro modo di essere è in gran parte influenzato da quello che abbiamo vissuto nei primissimi anni di vita. L’infanzia è il periodo in cui si formano le nostre idee sul mondo e anche quelle su noi come persone.

La fiducia di base si crea in quel momento. Ma può capitare che non si crei affatto. Alcuni bambini crescono con la sensazione di non valere niente, o di non essere mai all’altezza. Dentro il nucleo profondo di questi bambini c’è la convinzione di essere sbagliati. Eppure anche chi è stato ampiamente valorizzato in ambito famigliare può incappare in una forte sensazione di insicurezza, ad esempio quando le sfide della vita lo pongono di fronte a momenti i cui percepisce di non essere la persona perfetta che credeva di essere.
Quanto detto finora è comunque frutto di generalizzazioni. La realtà è piena di casi che confermano o sovvertono queste regole. Ma allora come acquistare fiducia in se stessi?

Sicurezza in se stessi: come trovarla?

Il mondo in cui viviamo ci mette alla prova, sempre e costantemente. Sappiamo che anche quando usciamo dalla facoltà gli esami non finiscono mai. Ci sono persone che di fronte alle prove della vita sentono di non potercela fare, ed altre che scoprono di avere un bagaglio di risorse inaspettato. Questa diversa percezione dipende dalla fiducia individuale, quella che ognuna sviluppa, matura e conserva nel corso della vita. Quella percezione personale può modificarsi a causa di diversi aspetti:

  • Amore
  • Ormoni
  • Critiche e apprezzamenti
  • Risultati professionali

Tutti aspetti che esulano dal nostro controllo. I momenti positivi e negativi hanno un potere sul tuo stato d’animo, questo è certo. Ma tu devi riuscire a connetterti con te stesso e il tuo potenziale in qualsiasi momento, nonostante gli alti e bassi. Per sviluppare questa capacità non c’è bisogno di una laurea in psicologia, ma di:

  • Ascolto interiore
  • Accettazione attiva
  • Pensiero positivo
  • Gratitudine

Facile a dirsi. Ma sappiamo tutti che non si trovano al supermercato queste abilità. Nei prossimi capitoli ti forniamo suggerimenti utili per sviluppare l’autostima di cui hai bisogno.

Ascolto interiore e accettazione attiva

Non esistono esercizi per la sicurezza in se stessi che fanno miracoli. A volte la scarsa autostima può diventare sintomo di malesseri più profondi, in questi casi è utile farsi aiutare da un esperto. Ma una forte fiducia in sé stessi si può coltivare quotidianamente, imparando a dialogare con la propria dimensione interiore, da cui tutto proviene. Sei convinto che non vali niente perché non hai superato quell’esame? Nessuno potrà convincerti del contrario. Ma fermati un attimo. Guarda tutto quello che hai fatto prima di arrivare dove sei adesso. La tua vita è caratterizzata da:

  • Decisioni
  • Traguardi
  • Gioie e dolori
  • Successi e fallimenti

Tutto questo sei tu, ma anche molto di più. Non soffermarti su fallimento solo. Prendilo come spunto per chiederti: come posso apprendere da questo momento? In ottica propositiva la vita assume un altro aspetto, più dinamico e positivo.

L’accettazione attiva è la capacità di adattare la propria capacità di incassare successi e insuccessi senza lasciarsi abbattere dai sensi di colpa. Questi ultimi non hanno ragione di esistere, sono un sentimento inutile e controproducente, perché ti portano a rimuginare sul passato senza migliorare né presente né futuro. Ma per il passato non possiamo più farci niente, tranne valorizzarlo per poter trarre sempre il meglio. Non vivere passivamente quanto ti è accaduto, non sei vittima del destino. Scegli come agire, reagire e vivere.

Dieci consigli utili per l’autostima

esercizi di fiducia in se stessiPurtroppo abbiamo tutti interiorizzato schemi di pensiero duali: giusto/sbagliato, bello/brutto. Questa divisione della vita netta, che da una parte mette il successo dall’altra l’insuccesso, non ci porta ad osservare le sfumature che rendono piena un’esistenza. Siamo nella società del giudizio, in cui passiamo al setaccio gli avvenimenti e le persone per decidere se vanno bene o no e per creare schieramenti in cui includere o escludere qualcosa. È un discorso triste e poco profondo perché perde di vista la vastità di approcci e di possibilità che il mondo di offre.
Per non perdere totalmente se stessi in queste logiche di ragionamento ti regaliamo dieci consigli teorici e pratici su come acquistare fiducia in se stessi.

1. Evita le frasi svalutanti

Le parole formano la nostra concezione del mondo e di chi siamo. Sostituisci le frasi svalutanti che solitamente ti ripeti. La più comune è “non ce la faccio”. Ma ce ne sono tante altre. La fiducia in se stessi è legata a quello che dici su di te.

2. Evita persone tossiche

Si chiamano proprio così. Persone tossiche, ossia individui che contaminano la tua vita con cattive energie minando la tua capacità di sviluppare autostima. Così facendo ti rubano tempo, energia, entusiasmo. E ti convincono che il mondo sia come lo descrivono loro: crudele. Meglio circondarsi di persone positive.

3. Accetta gli errori

Ancora questa convinzione che ci sia il giusto assoluto e l’errore madornale? Se qualcosa è in grado di insegnarti la sicurezza in se stessi e un nuovo modo di reagire non si sarà rivelato uno sbaglio. Anzi, un’occasione di crescita. Accettalo e non tormentarti.

4. Scegli il cambiamento

Piuttosto che passare il tempo a lamentarti sulle cose che non vanno puoi sceglierne una che sia facile da cambiare. La forza di volontà è un’arma potente per acquisire sicurezza in se stessi. Con l’impegno puoi arrivare a modificare atteggiamenti distruttivi. Prova, se non ci riesci non buttarti giù ma prova di nuovo.

5. Festeggia i risultati

Non devi credere che sia da narcisisti voler festeggiare i propri successi. Se la tua intenzione è semplicemente quella di valorizzare un tuo traguardo incontrerai molte persone felici di farlo con te. Scegli quelle più vicine, anche pochi intimi, ma fallo. La gioia di quel momento genererà energia per le prossime sfide.

6. Il diario della gratitudine

Scrivere aiuta a fissare sulla carta (ma anche nella testa) le proprie intenzioni. E quale intento migliore della gratitudine? A fine giornata, o nel momento che preferisci, scrivi quali sono le cose per cui sei grato. Non sarà un libro sull’autostima, ma almeno in qualsiasi momento lo aprirai avrai la misura delle cose per cui vale la pena non perdere la fiducia nella bellezza della vita.

7. Attività fisica

Per alcuni un basso livello di autostima è dovuto alla forma fisica. Fortunatamente per molti aspetti si può intervenire. Una sana attività fisica snellisce i fianchi, tonifica le gambe ma soprattutto fa bene al cervello e serve a ritrovare se stessi. Un momento in cui dedicarsi al proprio benessere è un vero toccasana.

8. Il giusto riposo

Se ti dicessimo che la tua scarsa autostima dipende proprio dal fatto che avanzi pretese eccessive su te stesso. Non puoi vivere sempre con il piede sull’acceleratore. Anche tu meriti riposo, non sei un supereroe. Rendersi conto di essere comuni mortali, mettersi a letto e dormire è forse una delle attività più soddisfacenti in assoluto. Con la mente lucida ritroverai la fiducia in te stesso.

9. Leggere

Forse non ci crederai ma i libri sull’autostima hanno aiutato moltissime persone. Ma non solo quelli. La letteratura ti conduce in altre vite, ti fa sentire emozioni nuove e sviluppa l’empatia. Comprenderai che anche la tua vita merita un romanzo e ti sentirai autore della tua vita.

10. Non rimandare

Spesso, troppo spesso, ti capita di pensare “lo faccio dopo”. Bene, ma non benissimo. Questo “dopo” dev’essere preciso, quantificabile e non più procrastinabile. Pianifica. Oppure semplicemente non rimandare. Fallo subito, non ci pensare.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali