informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come inviare un cv per email: best practice e consigli da seguire

Commenti disabilitati su Come inviare un cv per email: best practice e consigli da seguire Studiare ad Aosta

Capire come inviare un cv per email in modo efficace significa evitare che la tua mail, come molte altre, venga cestinata. Tu non vuoi che venga cestinata, vero? E allora perché ti ostini a commettere sempre gli stessi errori. Quali? Te lo spieghiamo in questo articolo, in cui sono racchiusi anche molti utili consigli per fare colpo sui recruiter.

Come inviare un curriculum alle aziende

mail candidatura spontaneaNon è importante inviare il cv ma come quest’azione viene fatta. Non può essere dettata dal caso. Se lo invii per mail devi prestare attenzione ad una serie di fattori:

  • Oggetto
  • Corpo del testo
  • Lettera di presentazione
  • Portfolio e altri allegati

Dunque è importante mantenere un occhio vigile e scrupoloso sui vari aspetti, sia di tipo grafico che di forma e stile. Anche l’oggetto, che è una piccola stringa di testo ha un valore immenso. È la prima frase che legge la persona che riceve la mail, in questo caso –molto probabilmente– la persona che ti farà il colloquio di lavoro. Quindi le parole d’ordine sono:

  • Strategia
  • Sintesi
  • Correttezza

Fare le cose in maniera raffazzonata non è concepibile quando in ballo c’è la tua carriera e il lavoro dei tuoi sogni. Nell’oggetto della mail di invio curriculum puoi esplicitare fin da subito l’intento, ma rifuggi da soluzioni banali come “invio curriculum” o “candidatura spontanea”. Trova una formula più originale, soprattutto se lavori in ambito creativo. Ad esempio: “una presentazione professionale” o altro che sappia comunicare l’idea senza appesantire ma neanche con un tono di voce troppo informale. Superato lo scoglio dell’oggetto della mail puoi occuparti del messaggio, la lettera di presentazioni con cui annunci di inviare il curriculum in allegato e racconti brevemente chi sei e cosa ti ha portato a decidere di inviare questa comunicazione.

Il messaggio della mail per inviare il curriculum

Abbiamo molto spazio per scrivere il messaggio, ma non dobbiamo per forza prendercelo tutto, anzi non dobbiamo assolutamente prendercelo tutto. Dobbiamo sintetizzare. Ciò non vuol dire che dobbiamo fare il riassuntino del curriculum vitae, in cui citiamo in maniera stringata tutto quello che troveranno dentro il documento stesso.

La lettera di presentazione da allegare al cv deve saper comunicare le motivazioni che ti hanno convinto a inviare una candidatura spontanea a quella determinata azienda e non in un’altra, per quella posizione e non per un’altra. Questo è quello che ti permetterà di distinguerti. Possono esserci altre centinaia di persone che hanno fatto il tuo stesso corso di laurea, una manciata di colleghi del master che puntano la tua stessa meta, ma quello che vi distingue e la motivazione per cui volete rivestire quel ruolo, in quello ognuno di voi è unico.

Il recruiter deve avere l’idea che incontrarti è un’occasione d’oro. Deve fiutare che c’è qualcosa in te che apporterà beneficio all’azienda, e lo deve capire prima ancora di leggere il cv. Dalle righe di presentazione della mail. Il risultato che si ottiene con un testo del messaggio per una lettera di presentazione efficace dev’essere questo:

  • Apertura e lettura attenta del Cv dalla prima all’ultima riga
  • Voglia di incontrare l’autore della mail
  • Sensazione di stima e di condivisione di idee

Sono sensazioni e ragionamenti insieme. Il recruiter deve sentire intuitivamente che sei la persona giusta, perché ci sono dei dati di fatto che motivano questa sua percezione. Ottenere questo risultato non è semplicissimo, ma un modo c’è. Prima pensiamo a quello che non bisogna fare quando si scrive una mail di ricerca lavoro.

Cosa non scrivere nella mail per inviare il curriculum

Ci sono errori che si dimenticano e altri che non si dimenticano mai. Sono quelli da cui dipendono le svolte della nostra vita. Anche se con il senno di poi spesso ci ritroviamo ad ammettere che in fondo dove andare così. Ma quando si tratta di lavoro è difficile accettare di aver perso un’occasione a causa di qualche sciocchezza commessa che si poteva tranquillamente evitare. Ad esempio una mail sbagliata. Perché esistono mail sbagliate. Ma noi vogliamo darti suggerimenti per fare in modo che le tue sappiano comunicare il meglio di te e farti arrivare dritto verso il tuo obiettivo. Ecco cosa non devi fare nel corpo della mail:

  • Essere prolisso, dilungarti in descrizioni non essenziali di TUTTE le tue esperienze professionali. Per quello esiste il Cv
  • Assumere un atteggiamento vittimista, esprimendo pareri negativi sulla società di oggi che ci schiaccia ed è ingiusto e io non ci riesco, non è giusto, basta, gnè gnè. Tu non sei così
  • Scrivere un muro di parole tutte formattate con il giustificato
  • Non banalizzare e non dare per scontato nulla. Niente “la posizione in oggetto” o generalizzazioni spersonalizzante
  • non scrivere niente, a volte qualcuno ha questa malsana idea
  • propinare frasi fatte. Sembra che il mondo sia pieno di “persone che sanno lavorare in team”, ma va a rotoli uguale

Insomma, l’idea di base è quella di comunicare con chiarezza e senza fronzoli chi è cosa, cosa si fa e perché si desidera raggiungere come obiettivo professionale un’assunzione o una collaborazione con un’azienda.

Comunicare la motivazione in una lettera di presentazione

A molti responsabili degli uffici risorse umane capita di ricevere mail senza testo in cui in allegato ci sono la lettera di presentazione e il curriculum vitae. Perché farlo? Perché dovrebbero aprire due documenti di una persona che non si presenta? Allora la lettera di presentazione mettila direttamente nel corpo della mail. Funziona esattamente come una comunicazione commerciale, anche se sembra brutto detto così. Devi riuscire a vendere il tuo servizio, la tua professionalità, a qualcuno che ne ha bisogno. Quindi devi incitare chi legge a compiere un’azione, non finalizzata all’acquisto ovviamente, ma finalizzata all’apertura del materiale che invii in allegato.
Puoi inviare un curriculum per email, come puoi inviare un portfolio. Anzi, se fai un lavoro nel settore della comunicazione digitale, della grafica, della pubblicità, è molto utile costruirsi un portfolio lavori da aggiornare con le ultime collaborazioni e i progetti che hai realizzato.

Un trucchetto semplice ma che a cui nessuno pensa è nascosto nello stesso editor di testo della tua casella di posta. Puoi utilizzare la formattazione del testo in modo accattivante, sfruttando elenchi puntati, grassetti, a capo e tutti quei dettagli capaci di rendere il testo più chiaro e scorrevole, e soprattutto di valorizzare i punti strategici.

Esempio di lettera di presentazione curriculum

lettera di presentazione cvIn rete sono disponibili molte risorse on line utili per comprendere come scrivere una lettera di presentazione o come compilare un curriculum. Ma è sempre meglio cercare di perseguire una strada più personale, anche se questa implica più impegno. Un modo per ottenere un buon testo è quello di rispondere (anche su carta) a delle semplici domande. Qualche esempio?

  • Quali sono i motivi per cui mi candido a questa posizione?
  • Quali sono i punti di forza che mi differenziano da un altro candidato
  • Quale parte voglio che venga letta del mio CV?
  • Quale ulteriori vantaggi posso apportare al contesto lavorativo?
  • Perché voglio assumere quella posizione?

Scrivere aiuta ad avere le idee più ordinate. Dalle risposte che avrai ottenuto cerca di sintetizzare il tuo pensiero in poche righe. Non essere prolisso e soprattutto scrivi correttamente in italiano. Non c’è niente di peggio di inviare un curriculum pieno di errori.

Un po’ di concentrazione e anche l’aiuto di qualche amico più attento di te nella scrittura e nella revisione ti potrà aiutare a non trascurare dettagli importanti. In ogni caso non ci resta che augurarti buona fortuna! Con questi consigli hai sicuramente qualche trucco efficace per puntare dritto alla tua meta professionale.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali