informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è il counseling? Definizione e aree di intervento

Commenti disabilitati su Cos’è il counseling? Definizione e aree di intervento Studiare ad Aosta

Ti interessa capire cos’è il counseling perché ti piacerebbe lavorare in questo settore? Il counseling è nato negli Stati Uniti negli anni ’20 ed è arrivato in Europa una decina di anni più tardi, passando prima dalla Gran Bretagna. 

La definizione più semplice è la seguente: il counsellor aiuta il cliente a tirare fuori le risorse per migliorare la propria vita in termini personali e lavorativi. L’obiettivo di questi professionisti è cioè favorire il miglioramento della qualità della vita dei clienti, sottolineando i punti di forza e le capacità di autodeterminazione di ognuno.

Ma come si riesce a lavorare da counsellor? Quali competenze sono richieste? Qui di seguito la nostra guida sul counseling.

Counseling definizione: la figura del counsellor

Prima di rispondere alla domanda su cos’è il counseling, dobbiamo chiarire che in Italia questa disciplina ha cominciato a essere conosciuta solo negli anni ’80. Oggi è oggetto di un certo interesse e i professionisti che se ne occupano sono molto richiesti.

Lo psicoterapeuta americano Carl Rogers è considerato uno dei padri fondatori del counseling incentrato sulla persona. Secondo Rogers, questa attività consiste nell’instaurare una relazione di aiuto, in cui il professionista va in soccorso dell’altra persona per consentirle di intraprendere un percorso di crescita, sviluppo e maturazione.

Rogers sostiene che ciascun essere umano possiede già tutte le risorse per comprendere sé stesso, per sfruttare appieno le proprie qualità, per costruire relazioni affettive sane e per autodeterminarsi nel lavoro. Il problema è che in alcuni casi non sa di possederle o non sa come sfruttarle per vivere come vorrebbe.

In queste situazioni il compito del counsellor è quello di mettere il cliente nella condizione di individuare le proprie capacità in modo che possa:

  • risolvere problemi personali o lavorativi
  • superare eventuali blocchi nel prendere decisioni
  • gestire le relazioni interpersonali e la relazione con sé stessi
  • acquisire una maggiore consapevolezza personale
  • gestire i conflitti esterni ed interni
  • investire le sue risorse e le sue potenzialità nell’affrontare le situazioni difficili
  • imparare a gestire lo stress

Il counsellor accompagna i suoi clienti alla riscoperta delle loro potenzialità nascoste attraverso l’ascolto attivo, l’empatia e l’accettazione incondizionata. Questo è il tipo di approccio che viene solitamente praticato per consentire alle persone di trovare una soluzione a situazioni che creano disagio sia esistenziale che relazionale.

Come si forma un esperto di counseling

La nostra guida su cos’è il counseling non può non tenere conto anche del percorso didattico dei counsellor. Questi ultimi, infatti, sono dei professionisti che dopo la laurea frequentano dei master specifici. La professione è complessa e non è possibile improvvisarsi, senza avere una formazione.

L’Università Unicusano mette a disposizione un master di I livello in Counseling relazionale nei contesti scolastici, educativi e socio-sanitari. Il master della durata di 12 mesi prevede 60 crediti formativi e l’acquisizione di un titolo che consente di iniziare a lavorare.

Di solito, le materie di studio di un esperto in counseling includono:

  • psicologia generale
  • psicologia sociale
  • pedagogia clinica
  • fondamenti teorici del counseling
  • introduzione alla relazione d’aiuto
  • tecniche di intervento e strategie di counseling
  • analisi delle caratteristiche soggettive che ostacolano l’autodeterminazione
  • analisi dei bisogni fondamentali e delle risorse necessarie alla realizzazione personale

Non basta, però, la semplice formazione. Un counsellor, infatti, deve possedere una serie di caratteristiche personali che facilitano l’esercizio della professione, come l’empatia e la disponibilità all’accettazione incondizionata degli altri senza esprimere giudizi.

Cos’è il counseling: ambiti di applicazione

Il counseling ha diversi campi di applicazione, da quello sociosanitario a quello educativo fino a quello aziendale.

Un counsellor può cioè lavorare con:

  • clienti singoli
  • coppie
  • famiglie
  • gruppi aziendali
  • organizzazioni
  • scuole e università

Nel caso delle scuole, per esempio, il counsellor attiva progetti specifici mirati a bambini, adolescenti e adulti (insegnanti e genitori) in modo da migliorare l’ambiente, facilitare le relazioni su cui si fonda e aiutare i singoli soggetti.

Il counseling può prevedere, inoltre, approcci come l’ascolto attivo, l’esplorazione con domande per favorire l’elaborazione dei concetti da parte del paziente e la richiesta di riformulazione di temi particolari così da favorire l’espressione di emozioni, paure o elementi generatori di stress.

L’obiettivo finale è quello di mettere i singoli e i gruppi in una condizione che viene definita di empowerment. Di cosa si tratta? Con il termine empowerment si intende un processo di crescita il cui scopo è favorire l’aumento della stima di sé, attraverso la scoperta di tutte quelle risorse latenti che costituiscono il potenziale nascosto della persona.

Counsellor e psicologo non sono la stessa cosa

Spesso la figura del counsellor viene confusa con quella dello psicologo. Si tratta, però, di due professioni molto diverse. Il counsellor, per esempio, non interviene su problemi e disagi di natura psicopatologica. Non a caso, gli incontri non prevedono l’elaborazione di una diagnosi o di una perizia psicologica.

Esiste, però, una innegabile somiglianza tra le due professioni nella misura in cui entrambe sono volte al raggiungimento di una condizione di maggior benessere per le persone che si trovano in una condizione di disagio.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali