informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come memorizzare in fretta: i migliori consigli per lo studio

Commenti disabilitati su Come memorizzare in fretta: i migliori consigli per lo studio Studiare ad Aosta

La memoria non è una capacità innata. Saper memorizzare in fretta può essere il risultato di un percorso. Questa è una buona notizia, soprattutto per gli studenti. Se è vero che esistono persone predisposte ad utilizzare le capacità mnemoniche con più facilità, esistono delle tecniche che sostengono chi non ha quella predisposizione. Leggi attentamente fino alla fine e prendi appunti se pensi già che scorderai tutto!

Come memorizzare velocemente: le regole di base

Le tecniche di memorizzazione si basano su alcune abitudini fondamentali, che aiutano gli strumenti a funzionare meglio. Se possono trovare tanti consiglia a riguardo, in molte riviste che danno spazio agli esperti del settore, professori e lavoratori che con la memoria lavorano. Ecco quali sono, in linea generale, i consigli principali per raccogliere informazioni velocemente senza far andare in corto circuito il cervello.

  1. Studiare da soli
  2. Faticare
  3. Provare interesse personale
  4. Sperimentare e trovare trucchi
  5. Bere caffeina

Sebbene l’ultimo consiglio non sia dei migliori per la salute fisica, senz’altro aiuta a mantenere alto il livello di concentrazione, soprattutto quando si devono affrontare troppi esami tutti insieme. Tra i metodi per studiare quello dello studio in solitaria può sembrare poco stimolante ma è molto efficace dal punto di vista della produttività. Da soli ci si distrae meno, ognuno di noi sceglie come studiare sulla base delle diverse esigenze e delle modalità di apprendimento personali. Conciliare quelle del gruppo può portare via tempo e fatica utili al progredire nello studio, meglio incontrare gli amici alla fine delle ore passate sui libri.

studente che studia velocemente per un esamePer fare fatica si intende dedicarsi allo studio con determinazione, investendo tempo ed energie. Leggere di sfuggita i venti capitoli del libro, anche due volte, non è un metodo adeguato, anche se comodo e poco faticoso. Prendere appunti, fare schemi e mappe mentali è più lungo e dispendioso in termini di energia psicofisica, ma rende molto di più in termini di risultati. Quindi, a te la scelta. La formula vincente resta sempre quella del minimo sforzo massimo rendimento, che si può ottenere, ad esempio, con le tecniche di apprendimento veloce.

Se cerchi in ciò che studi un punto particolarmente interessante da tuo punto di vista avrai più motivazione per portare avanti lo studio con entusiasmo. Trova qualcosa che sia vicino ai tuoi interessi, ragiona come se l’argomento che ti trovi ad affrontare contenga al suo interno nozioni estremamente utili nella vita quotidiana. Allo stesso tempo sperimenta metodi per studiare che sfruttino qualche escamotage per memorizzare in fretta, come associare ai concetti immagini, parole chiave, oppure ripetere ad occhi chiusi.

Tecniche di apprendimento veloce, alcuni semplici consigli

Chi ha detto che per imparare come studiare bene bisogna utilizzare strumenti o tecniche super difficili? Sebbene esistono e qualcuno le utilizza in tutta semplicità, per molti risultano ancora troppo complesse e cercano trucchetti più semplici ed immediati. Vediamo nel dettaglio questi cinque:

  1. Schemi
  2. Post it
  3. Colori
  4. Ripetizione
  5. Creatività

 

  1. Sì, gli schemi sono ancora una tecnica infallibile e noi siamo convinti che non morirà mai. Perché si tratta di un sistema elementare, rapido ed efficace. Un foglio bianco, una penna e qualche tabella o diagramma per collegare i concetti. Ognuno può trovare la formula perfetta per il tipo di studio, c’è chi preferisce utilizzare schemi con molto testo, chi usa solo le parole principali, ma la chiave è comunque la sintesi. È uno dei metodi di studio universitario più utilizzati per il ripasso pre esame, quando ci si trova di fronte a parecchi volumi da studiare e si ha bisogno di concentrarli in unità minori.
  2. I post it sono amati dai fissati dell’organizzazione, che li usano un po’ per tutto. Per segnare la lista della spesa e fissarla sul frigorifero oppure per ricordare ai coinquilini di portare fuori la spazzatura incollandoli sulla porta. I post si possono usare per lo studio per:
  • Far risaltare il concetto di una pagina del capitolo
  • Fare schemi “mobili” da appiccicare sul muro
  • Fare da segnalibro e segnare il punto del manuale che affronta un argomento

Sono versatili, colorati e poco ingombranti, ideali per sostenere i progressi delle tecniche di apprendimento veloce.

  1. I colori vanno bene soprattutto se non sei un feticista dei libri e quindi sei disposto a segnarli in maniera indelebile. Il coloro rappresenta un simbolo facilmente riconoscibile, da associare ad una tipologia di informazione ben precisa, ad esempio:
  • Giallo – date
  • Rosso – cause
  • Verde – soluzioni
  • Viola – citazioni

Ma la lista può farsi più lunga. Sconsigliati i pennarelli che su alcuni tipi di carta sono capaci di bucare il foglio o di segnare il retro della pagina. Perfette le penne a punta fine e anche i pastelli. Sembra di tornare alle scuole elementari, invece si tratti di un metodo di studio utilizzatissimo anche da chi frequenta master, lavora con la didattica, o semplicemente frequenta l’università.

  1. La ripetizione come tecnica di apprendimento veloce non è apprezzata da tutti. A chi si chiede come memorizzare in fretta gli esperti rispondono spesso che è da evitare il metodo di studio che prevede lunghe sessioni passate a ripetere il materiale letto. Eppure si tratta di una tipologia di studio utilizzata da una stragrande maggioranza di studenti. Non è per tutti, certamente. Puoi provare su un esame da pochi crediti, che non prevede una quantità consistente di materiale. Se non fa per te, passa al prossimo punto.
  2. La creatività implica un impegno mentale, la capacità di saper uscire dagli schemi, dalla ripetizione e di approcciarsi allo studio in maniera meno logica e più istintiva, utilizzando anche un po’ di immaginazione e inventiva. Ad esempio, esistono persone che inventano vere e proprie canzoni, per ripercorrere e sviscerare i concetti chiave della materia di studio e tenerli a mente in modo divertente.

 

Insomma, esistono molti modi per memorizzare, anche la tecnologia ci viene incontro, basti pensare all’aumento di persone che utilizzano le app per gestire il tempo. Lo studio diventa più efficace e dinamico. Qui abbiamo elencato quelli più facili da mettere in pratica, senza dover studiare per imparare a studiare. Questi piccoli grandi consigli, se messi in pratica con attenzione e buona volontà, sono in grado di dare ottimi risultati per ricordare e memorizzare qualsiasi cosa. Ah… ci stavamo dimenticando di augurarvi buon studio!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali