informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è il regime doganale: cosa devi sapere

Commenti disabilitati su Cos’è il regime doganale: cosa devi sapere Studiare ad Aosta

Gli aggiornamenti sulla cosiddetta “guerra dei dazi” tra Stati Uniti e Cina sono all’ordine del giorno. Quante volte ti è capitato di sentire qualcosa a riguardo in TV e di leggere notizie online? Sicuramente ti sarai fatta o fatto un’idea, ma quanto conosci veramente la materia di cui si parla? In un mondo dove finora i commerci sembravano non conoscere più confini e in cui è facile avere rapporti anche con paesi dall’altra parte del mondo, conoscere il funzionamento del regime doganale è certamente utile.

Lo Staff di Unicusano Aosta ha preparato una breve guida con ciò che devi sapere. Così, la prossima volta che ti ritroverai a parlare dell’argomento, saprai sostenere il tuo pensiero con una maggiore consapevolezza!

Che cos’è la dogana

Prima di farti capire bene cos’è il regime doganale è importante chiarire cos’è la dogana e a cosa serve. La definizione più semplice e allo stesso tempo più ampia dice che

È un organismo di natura pubblica (quindi regolato dallo stato centrale) che ha il compito di controllare l’entrata e l’uscita delle merci sul territorio nazionale, sia che si tratti di materiali di viaggiatori che di trasporto commerciale.


Sapevi che l’istituzione della dogana ha origini antichissime? Le prime testimonianze di qualcosa di molto simile al concetto odierno risalgono a circa 2500 anni fa! Prima nell’Antica Grecia e poi a Roma veniva imposta una tassa di transito che andava pagata per il semplice passaggio attraverso i territori. I latini chiamavano datium la cifra elargita e da qui deriva il termine “dazio” che usiamo ancora oggi.

Ma invece sai qual è l’origine della parola dogana? Con buona probabilità deriva da diwan, termine che in oriente indicava la parte amministrativa e contabile dello stato. 

A cosa serve

Di fatto la dogana serve a proteggere e incentivare la produzione dell’industria nazionale. Ecco perché possiamo far risalire il concetto odierno di dogana al XVIII secolo, ovvero a quando inizia ad intensificarsi la produzione industriale di quasi tutto il mondo sviluppato. Da quel momento, si stabilirono le prime tariffe doganali con cui ogni stato poteva tassare i prodotti in entrata in relazione a ciò che poteva produrre e/o alla domanda interna. Come accade oggi tra Stati Uniti e Cina, queste politiche però non sempre possono dirsi vincenti. Quindi, fare dei trattati per rendere più vantaggiosa l’importazione e l’esportazione divenne inevitabile.

È proprio per questo motivo che, alla fine della seconda guerra mondiale, viene istituita la CECA tra Italia, Francia, Germania, Lussemburgo, Paesi Bassi e Belgio. Con l’abolizione dei dazi sull’acciaio tra questi stati venne dato il via al primo esperimento di libero scambio che poi, nel tempo, si è tradotto nell’Unione Europea.

Il regime doganale

Stando anche a quanto dice l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – ADM non è possibile parlare di un singolo regime doganale, piuttosto dobbiamo fare una dovuta distinzione in base ad ogni caso specifico. Ai sensi dell’articolo 5, punto 16 del Reg.UE 952/2013 i regimi doganali sono:

  • immissione in libera pratica,
  • regimi speciali,
  • esportazione.

Dunque i regimi doganali sono tutti quei diversi casi che possono riguardare una merce in uscita o in entrata nel territorio. Vediamo di analizzarli così che tu possa avere maggiori informazioni a riguardo. Una scontata ma dovuta precisazione: tutte queste regole e normative fanno riferimento a merci provenienti o indirizzate extra UE. Come detto, tra i 26 stati dell’Unione lo scambio è libero e non c’è dogana.

L’immissione in libera pratica

Quando una merce arriva alla dogana di uno stato comunitario con l’immissione in libera pratica, acquisisce la posizione doganale di merce comunitaria. Prima però è soggetta alle seguenti attività:

  • Verifica delle licenze d’importazione. Infatti alcuni beni, come animali in via d’estinzione o loro derivati, non possono essere importati mentre alcune merci sono soggette a formalità autorizzative, come ad esempio le armi.
  • Controlli sanitari, fitosanitari o comunque di prevenzione della salute pubblica.
  • Applicazione dei dazi legalmente dovuti.

I regimi speciali

I regimi speciali sono:

  • transito,
  • deposito,
  • uso particolare.

Come puoi intuire, sono sottoposte a regime doganale anche tutte quelle merci che non sono destinate al commercio ma che devono semplicemente passare per il territorio, essere depositate o destinate ad un’ammissione temporanea quindi esportate nuovamente entro determinati termini oppure importate per una lavorazione temporanea.

L’esportazione

Ogni volta che una merce deve lasciare il territorio comunitario è soggetta al regime doganale dell’esportazione. Ovviamente anche in questo caso esistono molteplici normative, ma preferiamo ridurre il tutto ai minimi termini così che per te possa essere ancora più facile capire. Un esportatore è tenuto non solo a dichiarare la merce che vuole esportare, ma anche a fornire specifici documenti a riguardo.

Questo permetterà agli uffici preposti di controllare che le merci in uscita siano conformi, rispettino tutte le regole del caso e quindi di rilasciare un numero di tracciabilità così da poterle svincolare per l’esportazione.

Come vedi l’ambito dei regimi doganali è alquanto complesso: noi abbiamo comunque voluto spiegarti nel modo più semplice possibile gli aspetti fondamentali. Qualora però volessi approfondire il tema, puoi sempre studiare diritto doganale e magari, un domani, lavorare in questo settore.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali