informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è lo statuto del lavoratore autonomo e cosa disciplina

Commenti disabilitati su Cos’è lo statuto del lavoratore autonomo e cosa disciplina Studiare ad Aosta

Lavorare come freelance o libero professionista, come in ogni caso, ha i suoi pro ed i suoi contro. Dall’approvazione definitiva dello statuto del lavoratore autonomo, sicuramente, i contro rispetto alle tutele per i lavoratori subordinati, si sono ridotti.

Scopri insieme allo Staff di Unicusano Aosta cos’è e cosa prevede questo documento.

Il lavoratore autonomo: chi è e perché è stato necessario lo statuto

Indubbiamente finora sono esistite diverse differenze tra l’universo dei lavoratori subordinati e quello dei lavoratori autonomi. Responsabile della tutela dei diritti dei primi era l’imprenditore, o lo Stato. Mentre per i secondi, erano loro stessi a doversi preoccupare di ogni tipo di tutela. Dati i cambiamenti del mercato del lavoro e il passare del tempo, queste differenze andavano inevitabilmente sanate.

Lo scopo dello statuto del lavoratore autonomo è stato proprio questo: mettere nero su bianco tutti i diritti della categoria di cui lo Stato doveva farsi carico. Ma, prima di approfondire il tema, vale la pena sottolineare chi è il lavoratore autonomo.

Chi è il lavoratore autonomo

Il lavoratore autonomo è colui o colei che esercita la sua attività lavorativa in proprio, svincolato da un datore di lavoro e i cui contraenti sono clienti o committenti. Quanta libertà, non è vero? Eppure anche qui c’è il rovescio della medaglia. Come ti dicevamo, lavorare come autonomo non è facile principalmente per il cosiddetto rischio d’impresa. Il profitto in questo caso non è una “sicurezza” ma dipende dal mercato e perciò avere un reddito certo o altre garanzie è pressoché impossibile.

Autonomo e subordinato: le differenze

Per un lavoratore subordinato

L’imprenditore è tenuto ad adattare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo le particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro.

Art. 2087 del Codice Civile

E grazie allo statuto dei lavoratori (L.300/1097) il dipendente può avere la sicurezza di una disciplina protettiva. A dare questa sicurezza al lavoratore autonomo è lui/lei stesso, o almeno fino alla stesura dello statuto del lavoratore autonomo è stato così. Ma perché è dovuto passare tutto questo tempo?

Due mondi opposti

Il mondo del lavoro oggi è decisamente più fluido di un tempo. Fino a qualche anno fa, i liberi professionisti erano decisamente distanti da coloro che erano dipendenti principalmente sotto il punto di vista economico. Nel primo caso le entrate erano più alte, quindi erano minori le necessità di forme di protezione reddituale, previdenziale o sociale.

Inoltre i subordinati avevano molte più possibilità di creare forme di associazione corporativa. In sostanza, potevano puntare sul numero e su obiettivi comuni per combattere per i propri diritti e tutelarsi contro regole “imposte dall’alto”. Necessità che il lavoratore autonomo medio, fino qualche anno fa, non ha avuto.

Un profondo cambiamento

Paradossalmente però oggi i ruoli sembrano essersi ribaltati, soprattutto nel caso delle false partite IVA. Si tratta di tutti quei lavoratori autonomi che hanno dovuto svolgere mansioni che sono a tutti gli effetti subordinate, facendosi però carico di tutti gli oneri del caso a totale vantaggio del datore di lavoro. Ma non è tutto: oggi quando parliamo di partite IVA non parliamo più solamente di liberi professionisti, ma anche dell’esercito di freelance. Lavoratori autonomi che, svolgendo attività di stampo piuttosto recente, si trovano completamente privi di strutture assistenziali e/o corporative.

Per questi, ma anche per altri motivi, è stato approvato lo statuto del lavoratore autonomo.

Cosa prevede lo statuto

Lo statuto del lavoratore autonomo è un insieme di normative il cui scopo è quello di tutelare l’esercizio di una professione da parte di un professionista dipendente. Le principali novità introdotte sono in materia di:

  1. Protezione contrattuale

    In fase di stipula di un contratto per l’esecuzione di un lavoro e/o la prestazione di un servizio, il committente non potrà più modificare unilateralmente le condizioni, recedere dal contratto senza preavviso, stabilire termini di pagamento superiori a 60 giorni e rifiutarsi di redigere un contratto scritto.
  2. Previdenza sociale

    La DIS-COLL (Indennità di disoccupazione per i lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata) è stata estesa anche agli autonomi. In questo modo, se iscritti alla Gestione Separata, e perdono involontariamente il lavoro, hanno diritto ad un’indennità valida per al massimo sei mesi.
  3. Paternità e maternità

    Al lavoratore autonomo, uomo o donna che sia, è riconosciuto il diritto al congedo parentale per al massimo 6 mesi entro il terzo anno di vita del bambino.
  4. Malattia

    In caso di malattia o infortunio (ed anche di gravidanza) il committente non può estinguere il contratto con il lavoratore autonomo che presta un’attività continuativa. Per malattie o infortuni che impediscono il lavoro per più di 60 giorni fino ad un massimo di 2 anni, è sospeso il versamento di contributi previdenziali e premi assicurativi.

A questo punto se hai il desiderio di lavorare in proprio sai quali sono i tuoi diritti. In alternativa, se la tematica del diritto del lavoro ti interessa ed hai una laurea potresti pensare ad un Master in Diritto e Processo del lavoro e della Previdenza Sociale. Così queste tematiche non avranno più segreti per te!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali