informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come studiare al meglio: consigli utili

Commenti disabilitati su Come studiare al meglio: consigli utili Studiare ad Aosta

Gli studenti passano molto tempo a mettere a punto strategie su come studiare al meglio. Le provano tutte. Sognano che un giorno la tecnologia sviluppi soluzioni in grado di velocizzare i processi mentali, magari inserendo microchip sottopelle. Così potrebbero dire addio all’ansia pre-esame, alla gastrite nervosa che precede la discussione della tesi. Ma forse quel giorno è lontano. Meglio mettersi l’anima in pace e tornare con i piedi per terra. Solo un metodo di studio per fare davvero la differenza. Allora ecco i nostri consigli dopo tantissimi anni di esperienza al fianco degli studenti.

Strategie di studio efficaci

Il trenta e lode non sarà più un miraggio. Leggi attentamente questo articolo e dopo avrai qualche ottimo suggerimento da mettere in pratica nell’immediato per avere grandi risultati. Attenzione! Smetti di leggere se pensi che troverai una strada per applicarti meno e con scarso impegno, questo è impossibile.

Dovrai comunque trovare del tempo per dedicarti allo studio, con costanza e anche con determinazione. Ma in quel tempo avrai un rendimento maggiore se seguirai questi consigli.

Insomma i metodi per studiare meglio nascono per aumentare la qualità dello studio, non per ridurre il tempo. Studiare più velocemente è possibile solo a questa condizione: massima concentrazione.
Quindi facciamo spazio al primo dei consigli.

Elimina le fonti di distrazione. Qualche ora senza WhatsApp, i social network e lo smartphone attaccato alla tua mano come se fosse una protesi non hanno mai fatto male a nessuno. Anzi, è stato scientificamente dimostrato che la mente ne trae grandi benefici. Per cui, se non vuoi invecchiare cerebralmente con largo anticipo fai un piccolo sacrificio. Allontana ciò che disturba la tua concentrazione. Scegli un luogo dove studiare e stacci pienamente, da solo, senza interferenze con il mondo esterno. Ogni mezz’ora concediti una pausa però, per cinque minuti puoi staccare, ma non di più. Dopo un’ora e mezza puoi fare una pausa più lunga, un po’ come insegna la tecnica del pomodoro.

Tecniche per studiare velocemente

Chi si occupa di formazione sa che stiamo assistendo ad un innalzamento dei problemi di studio. L’iperattività, il multitasking, la parcellizzazione dei saperi e l’analfabetismo funzionale sono cause o elementi di un grave problema che minaccia l’apprendimento. Ma non tutto è perduto. Proprio per venire incontro ai tempi che corrono, veloci ed esigenti, hanno studiato tecniche precise per fornire una via a chi non ha ancora un metodo efficace.
Eccone tre che a nostro avviso sono tra le migliori in assoluto

La tecnica sniper

come studiare velocementeIl nome la dice lunga. Sniper significa tiratore scelto: colui che ha a disposizione un solo colpo. Prima di entrare nel vivo della spiegazione di questa tecnica per studiare velocemente dobbiamo fare un approfondimento. Secondo te un tiratore scelto arriva a svolgere quel ruolo solo perché ha dalla sua parte un’infallibile tecnica? No, ti forniamo noi la risposta così facciamo prima. Arriva ad essere scelto perché ha un’estrema sicurezza in sé stessa, sa che non sbaglierà perché ha fiducia nelle sue capacità. È stato dimostrato che autostima e rendimento vanno di pari passo. Per studiare bene bisogna cambiare atteggiamento mentale.

Spesso la motivazione che ti porta a perseverare nell’utilizzo della famosa (quanto inutile) “tecnica pappagallo” (ossia leggere e ripetere in modo ossessivo-compulsivo) è il fatto che non credi di potercela fare diversamente, credi di avere bisogno di ore di quello sbattimento. Invece no, è una questione che ha a che fare con lo sviluppo personale.

Fermati, ti stiamo per dire cosa buon farti cambiare rotta per attraccare ad un porto di sicuro successo: la motivazione. Leggere e ripetere funzionano come delle “stampelle” mentali per insegnare al cervello come camminare correttamente. Ma il tuo cervello può camminare benissimo da solo.

Allora la prima cosa da fare per diventare uno sniper è concentrarti e motivarti. Dopo esserti rilassato, evita le distrazioni (come abbiamo detto prima) e richiama tutta la tua attenzione, devi dire a te stesso che ti darai un’ora di tempo e che sarà la sua unica occasione. Credici. Vuoi vedere che alla fina avrai memorizzato molto di più di quello che ti è capitato di fare in precedenza.

Lettura veloce applicata

Uno dei drammi più sentiti dalla comunità studentesca è la quantità di pagine da studiare. Come si può studiare velocemente mille e più pagine? Leggendo più velocemente. Non è facile, bisogna ammetterlo. Ma una volta imparata la tecnica diventa quasi automatico. Il problema è questo: se stai leggendo questo articolo una settimana prima dell’esame questa strategia di studio non fa per te. Non potrai memorizzare velocemente senza aver fatto tanta pratica con lettura veloce. All’inizio bisogna avere tempo a disposizione per allenarsi. D’altronde anche il cervello è un muscolo e per tonificarsi deve fare ginnastica, tutti i giorni.

Ma non abbatterti, ci sono comunque degli accorgimenti che possono funzionare. Ad esempio:

  • Leggere attentamente indice e titoli dei capitoli e paragrafi per comprendere la struttura del testo
  • Scrivi su un foglio la risposta alla domanda: “quali concetti voglio apprendere da questi capitoli?)
  • Leggi il primo e l’ultimo paragrafo di ogni paragrafo

Sappiamo già che non sei del tutto convinto dell’efficacia di questo metodo. Ma è normale, all’inizio sembra difficile. In realtà se comprendi il meccanismo dietro questa strategia tutto filerà liscio e avrai una strada più semplice per arrivare al nucleo concettuale di un libro e farlo tuo. Prepara uno schema in vista del prossimo esame, redigi un planning settimanale e divertiti con il tuo addestramento militare per il cervello.

Rielaborazione delle nozioni di studio

Prima abbiamo riservato parole poco gentili alla “ripetizione selvaggia”. Avevamo ragione. Eppure la rielaborazione è fondamentale. Come rielaborare in modo efficace?

Le mappe concettuali sono uno strumento eccezionale per questo scopo. Ancora ci interroghiamo sul motivo per cui la scuola italiana non le insegni a dovere ai suoi studenti. Chi ha avuto la fortuna di essere seguito da professori che l’hanno insegnata ancora ringraziano quel momento. Le mappe mentali ti aiutano ad avere sotto mano i concetti chiave dell’argomento in questione.

Il consiglio è quello di ripetere quanto appreso a parole tue. Non imparare mai a memoria. Se sarai in grado di esporre i concetti chiave come se lo stessi spiegando ad un amico avrai la certezza di aver davvero imparato qualcosa. E all’esame lascerai tutti a bocca aperta. Riportare all’essenziale e ridurre le nozioni da complesse a semplici è l’obiettivo dello studio, tante infinite parole contenute in pesantissimi volumi si fanno leggere e riescono ad entrare nella tua testa. Complimenti!

Questi sono consigli di base da applicare con perseveranza e determinazione. Ci vuole impegno e fiducia, non è scontato. Ma siamo certi che raggiungerai risultati invidiabili.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali